ENEL: CGIL - RISCHIO TENSIONI SOCIALI A GIOIA TAURO
ENEL: CGIL - RISCHIO TENSIONI SOCIALI A GIOIA TAURO

Roma, 4 nov. - (Adnkronos) - La Cgil energia lancia l'allarme per possibili tensioni sociali a Gioia Tauro, in seguito alla decisione dell'Enel di sospendere le attivita' preparatorie per la realizzazione della centrale elettrica, decisione di cui il governo, secondo la Cgil, e' a concoscenza da sei mesi. ''In questa situazione - afferma il sindacato - il ministro Gnutti non ha evidentemente ritenuto di dover esercitare il proprio ruolo, assumendosi di fatto la responsabilita' di tensioni sociali difficilmente governabili (a dicmbre scade la cassa integrazione) se non si interviene in tempo utile''.

Cgil energia, che insieme a Cisl e Uil ha proclamato uno sciopero nazionale degli elettrici per il 21 novembre, denuncia anche la sorte delle centrali di Brindisi Nord e Sud per le quali il ministro dell'Industria, secondo il sindacato, avrebbe rifiutato la possibilita' di alimentazione a metano collocando nell'alto Tirreno e nell'alto Adriatico gli impianti di approdo del metano trasportato con navi, lasciando cosi' il Centro-sud ''senza alternative nel rifornimento di metano per tutti gli usi''.

(Red/Pe/Adnkronos)