CONFINDUSTRIA: IL DIRETTIVO DICE 'BASTA CON GLI ATTACCHI' (2)
CONFINDUSTRIA: IL DIRETTIVO DICE 'BASTA CON GLI ATTACCHI' (2)
UN VOTO UNANIME IN DIFESA DEL DIRITTO DI CRITICA

(Adnkronos) - Attraverso il documento del Direttivo (votato all'unanimita' in una riunione che ha visto presenti al gran completo tutti i big dell'economia italiana, da Romiti a De Benedetti, a Orlando, Tronchetti Provera, Lombardi, Presutti, Marzotto ecc.) la Confindustria ribadisce il proprio diritto di critica: ''il diritto di giudizio, cioe' di approvazione, di critica o di dissenso, e' un fondamento della democrazia, e come tale non puo' essere delegittimato, ne' presentandolo come puro esercizio cospiratorio, ne' accompagnandolo da evidenti strumentalizzazioni''.

Il documento prosegue affermando che ''si stigmatizza il metodo di confronto politico e il costume giornalistico che emerge da questi comportamenti. La Confindustria ribadisce di non essere, ne' intende essere, un soggetto partitico, ma una rappresentanza sociale che non si schiera aprioristicamente, e mantiene e garantisce la propria autonomia dalle singole forze politiche, sia di maggioranza che di opposizione''. Infine, il documento ''riafferma il duplice auspicio che il Parlamento approvi rapidamente la Finanziaria senza stravolgerne i contenuti di risanamento strutturale, e che la concertazione tra Governo e parti sociali riprenda sui grandi temi dello sviluppo, quali l'occupazione, la formazione e il mezzogiorno''.

(Nnz/Zn/Adnkronos)