TURISMO: TORNANO DI MODA CAMPEGGI E VILLAGGI
TURISMO: TORNANO DI MODA CAMPEGGI E VILLAGGI

Roma 9 nov (Adnkronos) Torna di moda il ''turismo all'aria aperta'' e a chiusura di stagione gli operatori del settore traggono i primi bilanci positivi. Crescono dell'8 p.c. le presenze nei campeggi e nei villaggi turistici e in termini assoluti l'aumento corrisponde a quasi 45 milioni di presenze in piu. Ma la Faita mette al bando facili ottimismi e chiede un intervento del governo per il rilancio del settore e della categoria rappresentata.

L'andamento della stagione e' stato positivo per quasi tutte le regioni grazie alla ripresa della domanda interna e soprattutto al netto incremento degli ospiti tedeschi. Negativo il dato della Calabria che registra un calo complessivo nelle presenze del 10 p.c, stabili il Lazio e l'Abruzzo, in crescita il Piemonte (5,5 p.c), la Lombardia (12 p.c.) il Trentino (11 p.c), il Veneto (13 p.c.), la Liguria (8 p.c.) , L'Emila Romagna (14 p.c.) , la Toscana (5,5 p.c), le Marche (9,5 p.c.), la Campania (3,5 p.c), la Puglia (14 p.c), la Sicilia (8 p.c), la Sardegna (7,5 p.c).

I dati positivi, avverte la Faita, sono stati favoriti anche da una sostanziale stabilita' delle tariffe, dall'ammodernamento delle strutture ricettive e non possono risolvere quindi lo stato di crisi in cui da tempo versa il settore. Per rilanciarlo la Faita chiede al governo di fare la propria parte procedendo ad un profondo riordino del settore attraverso la riforma della legge quadro, il contenimento della pressione fiscale, la reivisione della normativa sui canoni demaniali e riorganizzando l'Enit in un'ottica manageriale svincolandolo dalle dipendenze dei partiti.

(Stg/Bb/Adnkronos)