CINEMA: UN PROGETTO A TORINO
CINEMA: UN PROGETTO A TORINO

Torino, 16 nov. -(Adnkronos)- Torino vuol tornare ad avere un ruolo di primo piano nella cinematografia e il primo passo potrebbe essere il recupero degli studi Fert, la prima cinecitta' italiana nata, proprio a Torino, nel 1919 e ora ridotta a un gruppo di capannoni abbandonati in stato di completo degrado. Un progetto per il recupero degli stabilimenti e' stato presentato a Torino dall'associazione Fert formata da appassionati, critici, produttori cinematografici che operano all'ombra della mole e collaborano al progetto ''media'' dell'unione europea.

L'idea e' quella di ridar vita agli storici stabilimenti dove iniziarono la carriera Fellini, Franco Cristaldi, Leo Benvenuti, Carlo Di Palma. Un progetto che e' gia' stato recepito nel piano regolatore della citta' di Torino (ora in esame alla regione Piemonte) per il quale si attende l'approvazione definitiva all'inizio del '95. Per recuperare gli stabilimenti, insonorizzarli e riscaldarli occorrerebbero almeno una decina di miliardi e un anno di lavoro ma un contributo, spiegano all'associazione, potrebbe venire dall'Unione Europea che proprio oggi a Bruxelles delinea i nuovi passi del piano media 2 per la comunicazione video televisiva in Europa.

Intanto l'associazione ha gia' ottenuto un piccolo ma significativo obbiettivo l'epopea degli studi Fert sara' al centro del film documentario ''Passaggio in Europa'' realizzato da Vittorio Cottafavi su finanziamento dell'Unione Europea.

(Bdp/Pan/Adnkronos)