FININVEST: LA NUOVA PROGRAMMAZIONE DI QUALITA' (2)
FININVEST: LA NUOVA PROGRAMMAZIONE DI QUALITA' (2)

(Adnkronos) - Secondo il capostruttura Paolini, con gli ultimi avvenimenti politici si hanno ormai tre reti di proprieta' Berlusconi ed altrettante il cui Cda e' l'espressione della maggioranza di Governo, per cui ''sarebbe il momento di giudicare le diverse programmazioni per quello che sono e che rappresentano, indipendentemente dalle reti che le ospitano, senza alcun preconcetto''. Indifferente ad ogni schieramento, si e' detto poi David Riondino, che ha ricordato i suoi diversi passaggi televisivi, che l'hanno visto 'navigare' sia sui canali Fininvest che su quelli Rai, passando anche attraverso altri network.

Alcuni programmi cui ha preso parte Riondino, come Zanzibar, l'Araba Fenice o il Maurizio Costanzo Show ''sono collegati da una autonomia propria, sia per quanto concerne il lavoro, sia per quanto concerne la creazione, il che -ha precisato- farebbe pensare a delle contraddizioni all'interno della Fininvest. Alcune schematizzazioni che prima andavano bene per Raitre -ha aggiunto- adesso sembrano sbagliate se affrontate dalla Fininvest''.

''Che la televisione sia un potere -ha proseguito Riondino- e' indubbio, il problema e' come la si usa e Sgarbi ne e' un esempio. Altro modo e' invece usarla per sviluppare 'intelligenza'''. Secondo Riondino, inoltre, appare ovvio il fatto che' essendo il Presidente del Consiglio Berlusconi ''un grande esperto di televisione, non si faccia che parlare d'altro. Quando domani sara' eletto presidente Sacla', forse avremo la riforma del prezzo dell'olio d'oliva -ha aggiunto ironicamente- e altro non si fara' se non parlare di sottaceti''.

(Ros/Pan/Adnkronos)