I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

Milano. Scattano di nuovo le manette per le indagini di Mani Pulite. E a finire in carcere e' Daniele Campano, commercialista della Ricordi, e Ugo Cogliati, legale rappresentante della Real Plastic. Intanto, Franco Ambrosio inguaia Paolo Cirino Pomicino. La vicenda e' quella che vede lo scomparso Pietro Barilla versare una tangente di 7 mld e mezzo ad Ambrosio perche' la distribuisse al sistema dei partiti al fine di posizionarsi al meglio nella vendita Alivar. Di quella somma -sostiene Ambrosio- un miliardo e mezzo ando' a Cirino Pomicino. Il 're del grano', in occasione di un lungo interrogatorio protrattosi ieri sino a tarda sera, ha portato documenti per sostenere la sua versione dei fatti. A Di Pietro, Ambrosio avrebbe consegnato estratti conto, fatture e certificati che attesterebbero come l'industriale abbia usato i suoi conti personali per gestire somme dell'ex ministro dc. Il quale si sarebbe premurato di far sapere all'industriale come utilizzare le somme in suo possesso.

Roma. Vincenzo Muccioli ha stamani inoltrato al Procuratore della Repubblica di Rimini, al procuratore generale della Repubblica di Bologna, al procuratore generale della Repubblica presso la Corte di cassazione i Roma e al ministro di Grazia e Giustizia Alfredo Biondi un esposto a sua firma, con documentazione allegata, nel quale chiede che ''L'autorita' giudiziaria voglia verificare ed accertare se la recente e costante divulgazione di notizie e stralci di interrogatori relativi alla indagine svolta dalla Procura di Rimini, costituisca estremi di illecito penale o disciplinare in relazione alle norme che prevedono il segreto istruttorio, il divieto di pubblicazione di atti istruttori ed il divieto di rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio''.

Milano. Studiavano i necrologi per conoscere bene le vittime poi, con qualche trucco, entravano nelle loro case per derubare i parenti e fare delle estorsioni. Col ricavato delle rapine, circa un miliardo, compravano cocaina per moltiplicare il guadagno. Cosi' operava una banda di 'topi d'appartamento' oggetto di un'operazione condotta dalla squadra mobile di Milano. Gli ordini di custodia cautelare, per ora tre ma l'operazione e' in corso, sono stati richiesti dal pubblico ministero Marco Maria Alma e firmati dal gip Renato Bricchetti. I destinari degli ordini sono Cancho Montenegro, 41 anni, capo della banda, il suo vice Wilfredo Vigulias, 22 anni, e Flavio Bacce. Tutti sono di origine peruviana e vivevano in Italia con un regolare permesso di soggiorno. Ai tre e' stato contestato anche il reato di associazione a delinquere.

Roma. Slogan contro D'Onofrio, insulti al governo, pugni e spintoni qua e la', ma solo per conquistare il posto ''d'onore'': una delle teste del corteo romano di studenti e centri sociali ha raggiunto in tarda mattinata piazza Montecitorio, promettendo ''barricate'' al governo se non cambia rapidamente rotta sulla riforma scolastica. ''Non ci spingete alle barricate, noi siamo pronti'', era una delle frasi piu' ripetute dagli altoparlanti degli studenti; nessun politico in piazza, ma lo ''sfavore'' dei manifestanti si e' sfogato lo stesso, con qualche momento di tensione subito rientrato. In piazza erano studenti medi e universitari, insieme a gruppi e coordinamenti dei vari centri sociali ed una rappresentanza Cobas. Ma le proteste erano incentrate piu' sulla finanziaria e sulla politica del governo (il cui unico merito, per i manifestanti, e' quello ''di aver resuscitato i movimenti'') che sulle scelte del ministro della Pubblica istruzione D'Onofrio.

Roma. Una torta da 400 mila miliardi l'anno: a tanto ammonta il flusso finanziario mondiale collegato al narcotraffico. La vendita all'ingrosso di eroina, cocaina e cannabis in tutto il mondo frutta una somma pari a quasi 200 mila miliardi di lire l'anno, di cui 170 mila miliardi solo nel mercato nordamericano ed europeo. Il fatturato annuo complessivo delle piu' importanti organizzazioni criminali internazionali fa impallidire il prodotto interno lordo di qualunque Stato, essendo pari a 750 miliardi di dollari. In vista della Conferenza mondiale sulla criminalita' che si apre lunedi' a Napoli, l'Osservatorio permanente sui fenomeni criminali dell'Eurispes ha prodotto alcune schede sulle grandi organizzazioni criminali. Nel documento si legge tra l'altro che nel circuito di riciclaggio dei cosidetti narcodollari viene impiegata una somma pari a 120 milia miliardi di lire l'anno, mentre stime attendibili indicano in un 1.000.000 miliardi di lire l'anno la favolosa somma di denaro capitalizzata dai narcotrafficanti in attivita' collaterali. (segue)

(Dis/Pe/Adnkronos)