AN: MACCANICO - ALA SENSIBILE CONTRO LIBERISMO SELVAGGIO
AN: MACCANICO - ALA SENSIBILE CONTRO LIBERISMO SELVAGGIO

Roma, 19 nov. (Adnkronos) - Nel governo Berlusconi Alleanza Nazionale puo' rappresentare ''a suo modo l'ala sensibile, alla vecchia maniera, ai problemi sociali, a elementi di interventismo che possono ritrovarsi, sia pure occasionalmente, con posizioni di sinistra, di fronte al liberismo selvaggio''. E' questa l'apertura di credito concessa al movimento post-fascista dall'ex senatore repubblicano Antonio Maccanico, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con Carlo Azeglio Ciampi, contenuta nel libro ''Intervista sulla fine della prima Repubblica'', a cura di Alfonso Dell'Erario e Anna Scafuri, pubblicata da Laterza.

Gianfranco Fini ''ha saputo approfittare di un'occasione storica, agendo con cautela e coraggio e rivelando qualita' politiche notevoli'', ammette Maccanico, sottolineando che An all'interno del Polo delle liberta' e' una formazione politica di ''grande peso''. Secondo l'ex segretario generale del Quirinale al tempo di Sandro Pertini, il vero problema politico del leader missino non e' tanto quello di impedire una scissione degli irriducibili quanto quello di ''definire meglio la sua posizione di destra''.

In Europa destra - spiega Maccanico - e' sinonimo di thatcherismo, antiprotezionismo, di governo minimo, deregulation. La tradizione politica del partito di Fini - osserva - ''non ha invece nulla in comune con questi indirizzi: e' piuttosto statalista, interventista, corporativa, verticista e nazionalista. E' una destra d'anteguerra. E' il fascismo della repubblica sociale italiana di Salo' in versione democratica''.

(Pam/Bb/Adnkronos)