RAI: TATARELLA A CDA, CHE NE E' DEI GIORNALISTI MASTER PERUGIA? (2)
RAI: TATARELLA A CDA, CHE NE E' DEI GIORNALISTI MASTER PERUGIA? (2)

(Adnkronos) - Nella lettera i genitori evidenziano una serie di perplessita' non trascurabili, compresa una manovra anomala che ha portato la Rai a selezionare nel frattempo altri 50 praticanti giornalisti, entrari in azienda e, oggi, sulla soglia dell'assunzione. I genitori sottolineano che il Master biennale e' stato creato dalla stessa Rai con l'Universita' di Perugia; che fu ''largamente pubblicizzato'' dallo stesso servizio pubblico; che vi furono ammessi, tramite selezione, 28 laureati ai quali era richiesta una ''votazione non inferiore ai 110/110'' e che ''fino dalla selezione traspariva chiaramente che finito il biennio di studi la Rai non si sarebbe fatta sfuggire questi 'super-specialisti'''. Per questo, i genitori decisero ''fiduciosi'' di ''sopportare spese non indifferenti'' che si aggirano ''intorno agli 80 milioni (pro capite)''.

Ma la ''speranza'' e' diventata ''illusione'' -affermano i genitori paganti- anche perche' al danno si e' aggiunta la beffa. ''Successivamente alla pubblicazione del Master (maggio 1992) -sottolineano- la Rai indiceva una selezione (20 dicembre 1992) per 50 praticanti giornalisti, oggi gia' selezionati e pronti per essere assunti; quando la Scuola di Perugia sconsiglio' i masteristi di partecipare a questa successiva selezione (ove era richiesta una votazione di laurea non inferiore a 105/110)''.

(Sin/Gs/Adnkronos)