AMBIENTE: L'OCSE TASTA IL POLSO ALL'ITALIA (6)
AMBIENTE: L'OCSE TASTA IL POLSO ALL'ITALIA (6)

(Adnkronos)- Integrazione delle politiche dei trasporti e ambientale. Raccomandazioni precise in questo campo: la pianificazione del settore, che dev'essere ''integrata con le politiche ambientali''; la diffusione delle esperienze avviate da alcune citta' per favorire l'adozione di misure integrate; la massima attenzione nell'applicazione degli standard di emissione dei veicoli e sulla loro manutenzione; l'assunzione di misure strutturali per rendere ''competitive le alternative al trasporto su strada, particolarmente delle merci''; la cooperazione internazionale sul trasporto transfrontaliero.

Cooperazione internazionale. E' l'ultimo capitolo del rapporto Ocse, e riconosce all'Italia ''un ruolo molto attivo nel sostenere la collaborazione internazionale in campo ambientale, con la ratificazione della maggior parte delle convenzioni internazionali e l'adozione della maggior parte delle direttive europee''. Tuttavia, l'attuazione degli accordi e delle direttive viene ritenuta dall'Ocse ''meno soddisfacente'', per la carenza di risorse a livello nazionale, regionale e locale. ''Quale membro del G7, l'Italia dovrebbe migliorare la sua prestazione in campo ambientale, fornendo risorse appropriate, sia tecnico professionali che finanziarie''. Le raccomandazioni: ratificare e attuare gli accordi internazionali recenti; migliorare la consultazione interministeriale, in paricolare in campo marino; migliorare il regime legale nazionale per i rifiuti pericolosi; dare una maggiore priorita' alle aree naturali di rilevanza internazionale; rafforzare la cooperazione con i paesi del Mediterraneo meridionale, aumentando gli aiuti ambientali.

(Ata/As/Adnkronos)