I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (5): LO SPORT
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (5): LO SPORT

Brescia. Si svolgera' domani mattina davanti al pretore di Brescia il processo per direttissima nei confronti di cinque tifosi (due romanisti e tre bresciani) coinvolti negli incidenti scoppiati allo stadio Rigamonti in occasione dell'incontro di calcio tra Brescia e Roma. I cinque, tra cui c'e' Mario Appignani, meglio conosciuto come ''Cavallo Pazzo'', risponderanno di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Calcio. Questa settimana si giocano gli incontri corrispondenti al quinto turno della Champions League e gli ottavi di finale della coppa Uefa. Nella Champions League, mercoledi', per il Milan, in ultima posizione nel gruppo D, obbligo di vittoria a San Siro con L'Ajax di Amsterdam, che invece guida saldamente il girone. Domani, scendono in campo le prime due squadre italiane impegnate in Coppa UEFA, la Lazio affrontera' in Turchia il Trabzonspor ed il Parma sara' ospite dell'Atletico Bilbao. Due giorni dopo, giovedi' 24, incontro in trasferta della Juventus che andra' a far vista all'Admira Wacker ed impegno estero anche per il Napoli che affrontera' l'Eintracht di Francoforte.

Tennis. Lo statunitense Pete Sampras, ventitre anni, oltre ad essere il numero uno della classifica mondiale, e' anche il tennista che ha guadagnato di piu' nel 1994. Infatti Sampras, con la vittoria su Boris Becker al Campionato mondiale Atp di Francoforte che gli ha fruttato 1,225 miliardi di dollari (due miliardi di lire circa), quest'anno ha portato a casa solo in montepremi la rispettabile cifra di 3,607 miliardi di dollari (quasi 5,8 miliardi di lire), quasi 10mila dollari al giorno (16 milioni di lire), ferie incluse. In campo femminile l'argentina Gabriela Sabatini, oltre ad aver conquistato il suo primo torneo dal maggio del 1992, ha guadagnato due posizioni nella classifica mondiale, passando dal nono al settimo. In testa alla classifica c'e' sempre Steffi Graff.

Ginnastica. Alcune ginnaste sovietiche sarebbero state indotte a concepire un figlio e poi abortire per produrre ormoni maschili ed incrementare le loro prestazioni. Lo afferma l'ex ilipmionica Kovalenko, medaglia d'oro a Citta' del Messico nel 1968. Nel corso di un'intervista all'emittente televisiva Rtl, l'ex ginnasta ha spiegato di essere stata obbligata a restare incinta per attuare un ''rafforzamento genetico''. E, secondo un ex funzionario sovietico, alcune ginnaste 15enni sarebbero addirittura state costrette a concepire con i loro allenatori per poi abortire.

(Dis/Pan/Adnkronos)