WALTER SCOTT: DOPO 150 ANNI RIPUBBLICATO 'DEMONI E STREGHE' (2)
WALTER SCOTT: DOPO 150 ANNI RIPUBBLICATO 'DEMONI E STREGHE' (2)

(Adnkronos) - Le lettere coprono un arco di argomenti e di tempo assai vasto, spaziando dagli indovini e indemoniati del mondo biblico alle profetesse delle leggende nordiche, dalle potenti divinita' rurali alle testimonianze dell'instancabile apparire delle fate, fino agli incroci ''moderni'' della scienza con il misticismo, della religione con la superstizione.

Scrive Tadini nell'introduzione: ''In questo libro di Walter Scott, il soprannaturale non e' soltanto descritto come figura di un'immaginazione immatura e, quindi, sottoposto e critica. E' anche usato come macchinazione messa in funzione per ritardare il contatto con il mondo naturale cosi' com'e', nel presente. Per dilazionarlo. Per tenerlo in sospeso. Quando Scott incomincia a raccontare, e' come se qualcuno - fata, strega o fantasma - ci cambiasse in un soffio il libro tra le mani. Che differenza tra questi racconti e le descrizioni degli etnologi di professione!''

(Pam/As/Adnkronos)