INDUSTRIA ITALIANA: AVANZA LO STRANIERO
INDUSTRIA ITALIANA: AVANZA LO STRANIERO

Milano, 9 dic. (Adnkronos) - Avanza lo straniero nell'industria italiana. Nonostante l'accelerata impressa dalle nostre imprese nel biennio 92-93, il saldo, secondo un'indagine Cnel-R&P, tra aziende italiane acquisite dagli stranieri e viceversa era nettamente negativo: le multinazionali estere controllano in Italia 1.300 imprese con mezzo milione di addetti, le societa' italiane ne controllano oltrefroniera un migliaio con 372mila dipendenti. La tendenza sfavorevole si e' accentuata quest'anno, soprattutto a causa della lira debole. Il settimanale ''Mondo Economico'', in edicola da sabato 10 dicembre, riporta la mappa delle acquisizioni estere in Italia del 94.

Ma al di la' dello squilibrio quantitativo delle operazioni, preoccupa la scarsa aggressivita' del capitale italiano relativamente alle imprese a tecnologia avanzata. Nel biennio 92-93, oltre il 75% delle acquisizioni di imprese estere da parte delle nostre multinazionali ha interessato industrie che sfruttano economie di scala e soltanto il 3% comprede imprese hi tech. Viceversa il 30% dei nuovi investimenti stranieri nel nostro Paese si e' diretto su societa' a tecnologia avanzata. Il problema pero' non si risolve rinunciando al mercato globale e chiudendo le frontiere.

Da una parte, vanno sfruttate le sinergie liberate dalla multinazionale estera acquirente, e, dall'altra, varando una politica industriale adeguata, richiamando la nostra imprenditoria a un maggiore coraggio e, se necessario, a cedere le societa' che non abbiano la massa critica necessaria per quote di societa' piu' concorrenziali.

(Com/As/Adnkronos)