CLIMA: COME SOGGETTO D'ARTE, DA LEONARDO A DALI' (2)
CLIMA: COME SOGGETTO D'ARTE, DA LEONARDO A DALI' (2)

(Adnkronos) - Artista e scienziato allo stesso tempo, Leonardo da Vinci e' considerato una pietra miliare nella documentazione dei fenomeni atmosferici del suo tempo, di cui sono un esempio importante i disegni sulle variazioni del tempo e del clima oggi custoditi nella grandiosa Collezione Windsor. Leonardo aveva chiaramente percepito come le masse d'aria, che si frappongono tra l'oggetto osservato e chi lo sta osservando, rendono l'oggetto azzurrino e confuso e che cio' si accentua nella stagione calda, quando il clima rende l'aria densa di vapori e gli oggetti lontani meno nitidi.

Dopo Leonardo anche il Giorgione (Giorgio Barbarelli da Castelfranco) ed il Tintoretto (Jacopo Robusti) hanno rappresentato nei loro quadri forti perturbazioni climatiche, mettendo il paesaggio e la natura non piu' come sfondo ma come soggetto dei loro dipinti. Un balzo nel futuro, infine, lo ha compiuto Salvador Dali', ritraendo folle sbigottite ed erranti in ambienti ostili e desertici, forse preconizzando - conclude lo speciale ''Territorio e Ambiente'' - le disastrose conseguenze di quello che oggi si chiama effetto serra.

(Ada/As/Adnkronos)