GIUSTIZIA: ALTRE INDAGINI PER PIAZZA FONTANA
GIUSTIZIA: ALTRE INDAGINI PER PIAZZA FONTANA

Milano, 10 dic. -(Adnkronso)- Mercoledi' porossimo, due giorni dopo il 25/mo anniversario della strage di piazza Fontana, la Camera dovra' decidere se concedere o meno una proroga di sei mesi nell'ambito dell'inchiesta su piazza Fontana. Nelle settimane scorse, infatti, il giudice Guido Salvini, che conduce l'inchiesta sui fatti eversivi compiuti da esponenti dell'estrema destra (tra cui anche la strage del 12 1969) ha chiesto altro tempo per chiudere definitivamente l'indagine, ormai a buon punto. Tempo che serivra' al magistrato per terminare una serie di interrogatori.

L'inchiesta fino ad ora conta alcune centinaia di testimoni gia' a verbale, tra cui alti ufficiali ed esponenti dei servizi, e una quarantina di indagati per atti eversivi compiuti o progettati. Lavorando su queste piste, sia in Italia che all'estero, i giudice avrebbe accertato che alcuni personaggi -si parla di tre persone- averbbero avuto responsabilita' anche nella strage di piazza Fontana e nel successivo depistaggio delle indagini.

Per ora la materia resta top secret. Ma da quel che si apprende sarebbero emersi nuovi elementi su possibili collegamenti tra i gruppi neofascisti che operavano in Italia e all'estero: una ragnatela di rapporti che farebbero da sfondo a molte delle vicende di quegli anni. Compresa piazza Fontana.

(Cri/Pn/Adnkronos)