FORMAGGI: PERDE TERRENO IL PECORINO ROMANO
FORMAGGI: PERDE TERRENO IL PECORINO ROMANO
AVANZANO ITALICO E TALEGGIO

Roma, 27 dic. (Adnkronos) - Nei primi sette mesi dell'annno cresce ulteriormente di quasi tre punti percentuali il passivo dei conti con l'estero per i prodotti lattiero caseari. Gli acquisti dall'estero di latte e derivati in equivalente standard sono aumentati del 4,2 per cento a fronte di un incremento dell'esborso pari al 3,9 per cento.

La cronica deficienza di latte e' stata colmata da crescenti importazioni di materia prima (+8 per cento rispetto al periodo gennaio-luglio 1993), acquistata prevalentemente in Germania e in Francia. In proposito l'Ismea rileva che sono cresciuti gli approvvigionamenti dalla Germania, mentre quelli dalla Francia si sono fortemente ridimensionati a causa del rialzo dei prezzi.

In aumento risultato anche le importazioni di polveri di latte (+2 per cento circa), specie di quelle magre destinate all'alimentazione del bestiame (+4,9 per cento), che costituiscono la quota piu' rilevante del prodotto acquistato dall'estero. Gli approvvigionamenti di burro dall'estero hanno registrato un aumento del 15,7 per cento, in gran parte determinato dagli acquisti francesi, che segnano un'ascesa del 52 per cento circa. Per quanto riguarda i formaggi, gli arrivi di prodoti esteri hanno segnato un incremento del 2,2 per cento, in conseguenza dei maggiori acquisti dalla Germania e dalla Francia. (segue)

(Red/Gs/Adnkronos)