GRUPPI IN CRISI: 1995, ANNO DELLA RINASCITA (2)
GRUPPI IN CRISI: 1995, ANNO DELLA RINASCITA (2)
IL SALVATAGGIO DELLA CIGA

(Adnkronos) - Il ciclone Montedison ha catalizzato a lungo l'attenzione della finanza italiana, ma nel frattempo anche altri grandi nomi dell'imprenditoria nazionale sono riusciti a rimettersi in piedi. Alcuni sacrificando il leader carismatico, come avvenuto per la Ciga. Sul ponte di comando del prestigioso gruppo alberghiero sventola ormai la bandiera a stelle e strisce. Il colosso americano ITT-Sheraton e' diventato azionista di maggioranza con il 70 per cento del pacchetto azionario ed ha piazzato i suoi uomini migliori nel consiglio di amministrazione di quello che fino a pochi mesi fa era ancora il fiore all'occhiello del principe Karim Aga Khan.

Altri, invece, sono usciti dalle secche dopo una estenuante battaglia combattuta da un continente all'altro. E' il caso di Gft. Il salvataggio del gruppo torinese si e' concluso a fine anno, dopo sferzanti 'coup de theatre' ed un serrato braccio di ferro tra i potenziali acquirenti. Il primo dicembre la Gemina ha annunciato di aver raggiunto l'accordo con le banche creditrici battendo sul filo di lana la tenace cordata guidata dagli americani del CVC Capital Patners della Citicorp. La proposta, centrata sul consolidamento in cinque anni di 435 miliardi di debiti ed il coinvolgimento di alcune banche creditrici nella gestione del gruppo, ha consentito alla finanziaria di Giampiero Pesenti di mantenere in Italia il controllo di un gruppo che e' leader mondiale dell'industria tessile con 1500 miliardi di fatturato.

In molti, dall'estero avevano capito che prendersi Gft sarebbe stato un ottimo affare. Prima ci aveva provato l'imprenditore messicano Fabio Covarubbias; poi sono arrivati gli arabo-americani della Plaid in ultimo consorziatisi con Citicorp. Alla fine, pero', l'hanno spuntata gli italiani, con disappunto dei concorrenti stranieri verso Mediobanca, incaricata di gestire le trattative. Secondo loro, considerazioni d'interesse nazionale piu' che economiche avrebbero ispirato le scelte di Via Filodrammatici. (segue)

(Maz/Gs/Adnkronos)