MUSICA: LA FEBBRE DELL'UNPLUGGED, DAGLI SQUEEZE A DYLAN
MUSICA: LA FEBBRE DELL'UNPLUGGED, DAGLI SQUEEZE A DYLAN

Minneapolis, 27 dic. - (Adnkronos/Shn) - Quando Jules Shear, musicista di medio successo della rock band degli Squeeze, riuni' per la prima volta alcuni amici per una serie di concerti acustici settimanali in alcuni club di New York, sembro' un'idea balorda, una ''Jam session'' anche di basso profilo. Ma, quando cinque anni dopo dopo l'idea venne ripresa e lanciata sul mercato dal network musicale Mtv con il nome ''Unplugged'', l'approccio del pubblico fu entusiasmante. Risultato: ha cambiato completamente i connotati delle trasmissioni radiofoniche musicali e permnesso a personaggi del calibro di Eric Clapton, Rod Stewart e Tony Bennett di rilanciarsi. Oggi e' boom, irrefrenabile, con tangibili risultati finanziari.

Il primo musicista veramente di grido che accetto' l'invito ad esibirsi in pubblico in versione prettamente acustica fu Don Henley, voce del mitico gruppo degli Eagles, che, tra l'altro propose una fantastica versione di uno dei pezzi storici della band americana, ''Desperado''. Grazie al grande successo riscosso da Henley, i produttori della Mtv riuscirono facimente ad attrarre stelle del calibro di Paul McCartney, Sting ed Elton John, anche se il cantante che ha maggiormente contribuito a lanciare definitivamente l'''Mtv Unplugged'' e' stato sicuramente Eric Clapton con la sua sublime performance acustica di brani inediti come ''Tears in Heaven'' e di vecchi pezzi rivisitati come il classico del 1971 ''Layla''. L'uscita del disco ''Eric Clapton: Unplugged'' fu un incredibile successo nel 1992 ed ebbe un impatto senza precedenti nel mondo della musica. (segue)

(Red/Zn/Adnkronos)