CGIL: ALLARME PER AUMENTO INFLAZIONE, URGENTE MANOVRA (2)
CGIL: ALLARME PER AUMENTO INFLAZIONE, URGENTE MANOVRA (2)

(Adnkronos) - Per rimediare alla crisi dell'economia e dei conti pubblici, la Cgil chiede inoltre che venga realizzata al piu' presto una manovra aggiuntiva entro febbraio-marzo: ''in caso contrario -precisa Epifani- si rischia una prossima Finanziaria di almeno 90 mila mld''. Anche per questo, precisa il sindacalista, e' obbligatorio un Governo in tempi rapidi: ''le cose non possono restare cosi' a lungo, altrimenti, chiunque vincera' le prossime elezioni, si trovera' un paese in una situazione ben piu' grave di quella attuale, il che e' tutto dire''.

Nel corso del direttivo si e' affrontata anche la questione dei referendum. La ''linea'' della Cgil, come delle altre confederazioni, e' di attendere la decisione della Consulta. Poi, unitariamente, si studiera' come agire per sensibilizzare e coinvolgere lavoratori e opinione pubblica. Per il momento, Epifani si limita a sottolineare che il piu' ''grave'' dei referendum promossi da Pannella e' quello che minaccia di cancellare la sanita' pubblica: ''verrebbe cosi' a mancare -spiega- una rete di protezione essenziale per un paese civile, senza peraltro aprira la strada a una vera riforma della sanita''.

Meno preoccupazione, almeno apparentemente, per l'unico referendum che ha gia' avuto il via libera della Corte Costituzionale, e cioe' quello promosso dal Cobas e dal Movimento dei Consigli per l'abrogazione dell'art. 19 dello statuto dei lavoratori, che sancisce le norme per la rapprsentanza sindacale: ''La sua abolizione non avrebbe effetti pratici -spiega il numero due della Cgil- ma ridefinire il concetto di maggiore rappresentativita' dei sindacati e' una necessita'. Esiste infatti una proposta di legge di iniziativa popolare, promossa dalla Cgil, che, elezioni anticipate permettendo, potrebbe risolvere la questione in maniera indolore''.

(Nnz/Zn/Adnkronos)