AMBIENTE: PARTE IL ''TRENO VERDE'', NEL MIRINO LE PROVINCE (2)
AMBIENTE: PARTE IL ''TRENO VERDE'', NEL MIRINO LE PROVINCE (2)
UN BAGAGLIO DI PROPOSTE AL SEGUITO

(Adnkronos) - Sul ''Treno verde'' viaggia quest'anno anche un bagaglio di proposte per abbattere le emissioni di sostanze inquinanti e per una ''mobilita' spedita e sicura'' che non comprometta il diritto alla salute. In particolare, c'e' la richiesta ai sindaci di operare per ridurre le concentrazioni di benzene e policiclici aromatici, due sostanze cancerogene presenti sia nelle benzine super che in quelle senza piombo. A tutti i primi cittadini verra' consegnata una lettera-appello con l'invito a stipulare accordi con le aziende petrolifere per immettere sul mercato carburanti piu' puliti, seguendo l'esempio del comune di Roma (il Campidoglio ha siglato infatti un'intesa con Agip Petroli: dal 1 gennaio nell'area metropolitana viene distribuita benzina con un volume di benzene pari all'1,8 pc, e gasolio con un tenore di zolfo non superiore allo 0,02 pc).

''Le sei precedenti edizioni del 'Treno verde' -ha ricordato il presidente di Legambiente, Ermete Realacci, presentando oggi a Roma l'iniziativa- hanno evidenziato soprattutto tre cose: che l'inquinamento atmosferico nelle citta' dipende ormai in gran parte dal traffico; che tutti i centri urbani visitati soffrono di inquinamento acustico insopportabile e non sono libere dal rumore neppure aree, come quelle ospedaliere, dove dovrebbe regnare una tranquillita' assoluta; che l'aria avvelenata non e' prerogativa esclusiva delle metropoli, ma soffoca anche citta' piu' piccole''.

Il viaggio 1995 del ''Treno verde'' e' stato presentato stamattina alla Stazione Termini. Oltre al presidente di Legambiente, erano presenti Giuseppe Sciarrone, responsabile Area Trasporto delle Fs; Mario Di Carlo, direttore generale di Legambiente; Attilio Zocca, direttore dell'Istituto sperimentale delle Fs; Luc Julien, direttore generale di Saint Gobain.

(Ata/Zn/Adnkronos)