ANIMALI: SALVA 100 CANI MA FINISCE SUL LASTRICO
ANIMALI: SALVA 100 CANI MA FINISCE SUL LASTRICO
L'APPELLO DI CARLA ROCCHI

Roma, 18 gen. (Adnkronos) - In bolletta per salvare cento cani. Succede a Diana Martino che per anni ha raccolto animali feriti, buttati nei cassonetti, abbandonati in strada o maltrattati, mettendo all'asta perfino una collezione di antichita' per mantenerli. Adesso pero', dopo aver accumulato milioni di debiti con la struttura che li alloggia, ha ingaggiato un braccio di ferro a colpi di comunicati e appelli con il proprietario. ''Mi impedisce di vederli per punirmi della mia morosita'''denuncia accorata, chiedendo l'aiuto ''alla gente di buon cuore attraverso la stampa''.

''Se non pago non posso vedere i miei cani. E sono molto preoccupata per le loro condizioni di salute. Fa freddo e possono essere malati. Cinque sono morti negli ultimi mesi. Ho chiesto una visita di controllo, assicurando di pagare, ma mi e' stata rifiutata'' aggiunge Diana Martino che ha anche chiesto, ''senza avere risposta'', l'aiuto dell'Ufficio Animali del Comune. Accuse dure, che Arnaldo Palladini, veterinario e proprietario di Villa Andreina, che ospita 66 dei 100 cani respinge con sdegno: ''mi sento truffato e preso in giro. Se la signora, che ho sempre cercato di aiutare, continuera' a diffamarmi mi rivolgero' agli avvocati'' dichiara.

Palladini racconta di aver iniziato ad accogliere gli animali ad un prezzo di favore (100 mila lire al mese contro le 600 mila previste), accettando di farsi carico di tutti i casi disperati che la signora gli andava via via sottoponendo. ''Da tre cani che ospitavamo nell'88 siamo arrivati a 66, ma la signora non ha mai rispettato i pagamenti e accumulando un debito di quasi 80 milioni. A questo punto deve riprendersi gli animali e darmi garanzie di pagamento. Certo che non glieli faccio vedere -taglia corto-. E' l'unica leva che ho per farmi saldare i debiti. Non c'e' niente di strano: quando non si paga la bolletta, ti staccano il telefono''.

Nella ''contesa'' interviene anche la senatrice animalista Carla Rocchi che spezza una lancia in favore di Villa Andreina, ''una delle poche strutture serie -spiega- che ha sempre ospitato anche i cani randagi. Credo che la soluzione piu' giusta sia sollecitare la Regione aaffinche saldi i suoi debiti con questa struttura. E per il 'caso' dei cento cani, mi associo all'appello che la signora Martino ha rivolto alla generosita' dei privati''.

(Ccr/Gs/Adnkronos)