INCHIESTA COOP: ZANI, NON INFANGHEREMO MEMORIA STEFANINI
INCHIESTA COOP: ZANI, NON INFANGHEREMO MEMORIA STEFANINI

Roma, 18 gen. (Adnkronos) - Sull'esito del lungo confronto, avvenuto ieri, tra i magistrati che indagano sulle cooperative rosse e il segretario del Pds Massimo D'Alema e il suo predecessore, Achille Occhetto, c'e' una precisazione del coordinatore della segreteria Mauro Zani. ''Del colloquio di ieri qualche giornale ha voluto dare una sintesi che francamente riteniamo di pessimo gusto. E' dunque bene chiarire che, per nessuna ragione al mondo, nessuno del Pds assumera' mai l'atteggiamento cinico che altri in passato ha in effetti assunto, chiamando in campo l'operato di chi non puo' piu' difendersi per allontanare da se' sospetti o responsabilita'''.

''La difesa della memoria di Marcello Stefanini e' per noi un punto d'onore al quale intendiamo tenere fede, a maggior ragione di fronte all'archiviazione recente delle principali accuse mosse nei suoi confronti e nei confronti del Pci-Pds. Peraltro gli organi di informazione che a suo tempo montarono una campagna propagandistica contro di noi, si sono dimostrati, in questa occasione, alquanto afoni. Cio' detto, D'Alema ed Occhetto, non hanno fatto altro che chiarire ancora una volta -ha concluso Zani- il ruolo politico da essi effettivamente ricoperto nel corso del tempo''.

(Pol/Bb/Adnkronos)