MAFIA: PROVENZANO NON HA I SOLDI PER PAGARSI L'AVVOCATO (3)
MAFIA: PROVENZANO NON HA I SOLDI PER PAGARSI L'AVVOCATO (3)

(Adnkronos)- ''Rappresento -scrive ancora Traina al Presidente La Mantia- alla s.v. di essere strettamente combattuto tra la necessita' che avverto di adoperarmi (sia pure con le difficolta' che, in siffatti processi- ove sempre piu' spesso vi e' la tendenza ad enfatizzare la prova sotto il profilo accusatorio- incontra la difesa) perche' venga riconosciuta la assoluta estraneita' dell'imputato ai fatti contestati -alla quale fermamente credo- e la constatazione che il mio intervento difensivo sarebbe solamente formale e, come tale, contrasterebbe con i miei principi e con i miei doveri di deontologia professionale. Sarebbe pertanto doveroso rimettere il mandato difensivo a suo tempo conferitomi dall'imputato''.

''Poiche', pero'- prosegue Traina- insieme al mandato difensivo mi e' stata, da parte dell'imputato, conferita la facolta' di impugnare la eventuale sentenza di condanna e poiche', ancora, la rinuncia al mandato farebbe venir meno anche tale possibilita' che difficilmente potrebbe essere esercitata dal nominando difensore d'ufficio anche in considerazione dei tempi ristretti entro i quali deve essere proposta dichiarazione di impugnazione, ritengo mio dovere non rinunciare al mandato conferitomi, limitando pero' il mio intervento alle sole conclusioni''.

(Rao/Bb/Adnkronos)