MEZZOGIORNO: PARLATO, 40 MILA OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE
MEZZOGIORNO: PARLATO, 40 MILA OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE
DOCUMENTO AN PER LO SVILUPPO MERIDIONALE

Roma, 18 gen. (Adnkronos) - Sono oltre 40 mila le opere pubbliche incomplete in Italia. La stima e' del sottosegretario al Bilancio Antonio Parlato, secondo cui ''lo Stato non avra' mai le risorse per realizzare il completamento''. Da qui la proposta: ''scegliere il 10 pc di queste opere, quelle suscettibili di dare reddito come le infrastutture, i depuratori, i parcheggi e affidarli ai privati col meccanismo del project financing''. Secondo Parlato e' questa la soluzione possibile per completare le opere e rendere fruibili delle infrastrutture la cui assenza, sopratutto nelle regioni meridionali, ostacola lo sviluppo produttivo.

Parlato, insieme al capogruppo di An alla Camera Raffaele Valenzise e all'economista Gaetano Rasi, ha illustrato un documento del partito di Fini sulla politica per il Mezzogiorno. An pensa gia' alle elezioni regionali, e questo documento ''e' una piattaforma elettorale per lo sviluppo delle aree deboli'' ha detto Parlato, ricordando che il 75 pc del consenso elettorale di An viene dalle regioni merdionali e un restante 10 pc dalle aree depresse del centro-nord.

Il documento indica cinque priorita' per una politica di sviluppo delle aree deboli. Al primo posto la crescita della struttura produttiva in particolare delle piccole e medie imprese. Poi lo sviluppo delle infrastrutture di rete (il 70 pc della popolazione e delle imprese meridionali sono in zone il cui livello di infrastrutture idriche e' inferiore di oltre il 40 pc alla media nazionale), magari affidato ad una Authority interregionale di supporto progettuale e per il coinvolgimento dei capitali privati. (segue)

(Lio/As/Adnkronos)