AUSTRIA-ITALIA: AVVICENDAMENTO A PALAZZO METTERNICH
AUSTRIA-ITALIA: AVVICENDAMENTO A PALAZZO METTERNICH

Vienna 2 feb. - (Adnkronos) - Avvicendamento al vertice dello storico Palazzo Metternich, sede dell'Ambasciata d'Italia a Vienna. L'ambasciatore Alessandro Grafini lascia in questi giorni l'incarico rientrando a Roma, ove assumera' la funzione di coordinatore dell'inizitiva centro-Europea nell'ambito della direzione generale per gli affari politici del Ministero degli Esteri.

L'ambasciatore Grafini era giunto a Vienna nell'estate del 1992, in un momento propizio per i rapporti tra Italia e Austria: i due paesi si erano infatti appena accordati sul famoso ''pacchetto'', mettendo cosi' fine ad annose polemiche. Grafini ha dunque gestito in modo impeccabile -come viene fatto osservare in ambienti diplomatici austriaci- il dopo-pacchetto, inaugurando una nuova fase nei rapporti italo-austriaci. Gia' nel gennaio 1993 si registrava infatti la visita ufficiale del presidente Oscar Luigi Scalfaro a Vienna, prima in assoluto di un capo di stato della Repubblica Italiana nella capitale austriaca.

Grafini lascia in eredita' al suo successore rapporti bilaterali che vengono definiti ottimi sia da fonti italaine che austriache, anche sulla scia dell'appoggio fornito da Roma al processo di adesione di Vienna all'Unione europea.

A grafini subentra l'ambasciatore Joseph Nitti, negli ultimi due anni direttore generale del personale e dell'amministrazione al Ministero degli Esteri. In passato Nitti ha ricoperto posti diplomatici a New York, Vienna, Mosca, Bruxelles, Guatemala e Budapest.

(Nsp/Zn/Adnkronos)