XENOFOBIA: ZINGARI, STORIA DI PERSECUZIONE (2)
XENOFOBIA: ZINGARI, STORIA DI PERSECUZIONE (2)

(Adnkronos) - All'epoca dell'imperatrice Maria Teresa e piu' tardi di Giuseppe II, i gitani si insediano al di fuori dei centri abitati. Il matrimonio fra zingari viene proibito per legge, mentre lo stato incoraggia le unioni miste; i neonati vengono tolti ai genitori e allevati da famiglie cattoliche. Liberati verso la meta' del 19/mo secolo dal rapporto di schiavitu' cui erano sottoposti in Romania, si assiste quindi all'esodo di circa 200.000 zingari verso l'occidente.

Nel 1922 il governo austriaco decreta che i gitani debbano risiedere nel comune di appartenenza senza possibilita' di trasferirsi altrove. nel 1926 tutti i gitani vengono fotografati dalla polizia che crea cosi' un casellario contenente foto, impronte digitali e dati anagrafici di circa 8.000 zingari.

(Nsp/Pe/Adnkronos)