CECENIA: CERNOMYRDIN AMMETTE GLI ERRORI
CECENIA: CERNOMYRDIN AMMETTE GLI ERRORI

Mosca, 27 feb. (Adnkronos/Dpa)- Nella prima ammissione ufficiale in questo senso da parte di Mosca dall'invasione dell'undici dicembre del 1994, il premier russo Viktor Cernomyrdin ha riconosciuto che la campagna militare condotta in Cecenia si e' rivelata ''un grave errore di calcolo'' del governo della Federazione. ''Credevamo di poterlo fare senza spargimenti di sangue, ma le nostre pie intenzioni si sono tradotte nel contrario- ha detto Cernomyrdin in una dichiarazione resa durante una visita alla sede dell'emittente televisiva moscovita ''Vesti''- La decisione di agire e' stata intempestiva. Perche' non l'abbiamo fatto prima?''. Nel frattempo, da Vienna, il ministro degli Esteri britannico Douglas Hurd ha esortato senza mezzi termini Mosca a ''porre fine al massacro'' in Cecenia, a consentire l'afflusso di aiuti umanitari alla repubblica separatista caucasica e a cercare una ''soluzione politica'' al conflitto con il presidente ceceno Giokhar Dudayev.

(Lun/Pe/Adnkronos)