CECENIA: SECONDA LINEA DIFENSIVA RUSSA, GROZNY CIRCONDATA
CECENIA: SECONDA LINEA DIFENSIVA RUSSA, GROZNY CIRCONDATA

Mosca, 27 feb. (Adnkronos/Dpa)- Le forze russe sono riuscite oggi ad erigere una seconda linea difensiva fuori da Grozny nel tentativo di fare terra bruciata intorno agli ultimi ribelli ancora rimasti nella capitale. A darne notizia e' stata oggi l'agenzia di stampa Interfax, citando fonti militari russe, secondo cui per i guerriglieri ceceni e' ormai impossibile entrare nella citta'. I lupi del presidente Giokhar Dudayev stanno dal canto loro rafforzando le posizioni attorno ai villaggi di Argun e Gudermes -dove si trova il loro quartiergenerale- ad est di Grozny. Fonti militari cecene hanno riferito di essere in attesa di un'offensiva russa diretta contro le loro basi a sud della capitale, che darebbe alle truppe federali il controllo della parte meridionale della repubblica.

Sul fronte militare, inoltre, e' da registrare che i guerriglieri ceceni hanno fatto saltare in aria un ponte ferroviario sul fiume Aksai al confine tra la Cecenia e il Daghestan, vitale per le comunicazioni tra il sud della Russia e l'Azerbaigian. Nel darne notizia, il ministero per la Protezione civile di Mosca ha aggiunto che qualche minuto prima una bomba aveva parzialmente distrutto un altro ponte, costruito sul fiume Yamansu, anche se il traffico automobilistico non e' stato interrotto.

Intanto, a Grozny e' atteso per domani il primo vice premier russo Oleg Soskovets. A Mosca, Emilya Paina, consigliere del presidente russo Boris Eltsin, ha fatto che sapere che i soldati russi sono ora concentrati ''piu' che a conquistare terreno ad ottenere la fiducia della popolazione cecena''.

(Nap/Pe/Adnkronos)