CARCERI: IL ''NEW YORK TIMES'' INTERVISTA CORBELLI
CARCERI: IL ''NEW YORK TIMES'' INTERVISTA CORBELLI
IL COMITATO - LA STAMPA ITALIANA CI CENSURA

Roma, 28 feb. -(Adnkronos)- I giornali e media italiani sono insensibili al dramma delle carceri. Lo scrive in una lettera aperta ai direttori di quotidiani e testate televisive il presidente del comitato per i diritti dei detenuti, Franco Corbelli, di cui oggi il ''New York Times'' pubblica invece una lunga intervista.

Fatta eccezione per le agenzie di stampa, Corbelli accusa tutti gli altri mezzi di informazione di avere censurato ''la voce della sofferenza'', ignorando la manifestazione organizzata ieri dall'Associazione davanti al Quirinale.

''La stampa italiana -si legge nella lettera- ci ha voltato le spalle. Nessun Tg -tranne Videomusic e Mixer- hanno trasmesso le immagini dei due enormi striscioni: ''Un decreto per la vita - giustizia e pieta' per chi soffre nelle carceri''. Quella stampa tutta (dai giornali a tg nazionali, nessuno escluso!) che per mesi ci ha disperatamente cercati e utilizzato per la vicenda De Lorenzo ci ha oggi abbandonato. Ci richiameranno al prossimo morto!''.

(Com/Pn/Adnkronos)