TRASPORTO LOCALE: RITORNA IL CAOS, A MARZO NUOVI SCIOPERI
TRASPORTO LOCALE: RITORNA IL CAOS, A MARZO NUOVI SCIOPERI

Roma, 28 feb. (Adnkronos)- Ritorna il caos nel settore del trasporto pubblico locale. Le federazioni dei trasporti Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti promettono un marzo rovente proclamando un primo sciopero nazionale dei 140 mila autoferrotranvieri per il 10 marzo prossimo, che si svolgera' dalle ore 8,30 alle 20,30 con il rispetto dei servizi minimi secondo le intese locali. A questa prima azione di protesta seguira' una serie di iniziative articolate a partire dal 20 marzo quando si asterranno dal lavoro i lavoratori delle regioni del Nord, seguiti, il 21 marzo, da quelli delle regioni centrali, e il 22 marzo da quelli delle regioni del Sud e delle isole.

Si configura cosi' l'offensiva predisposta dai sindacati, illustrata oggi nel corso di una conferenza stampa, per rispondere a un fatto che non trova precedenti nella storia delle relazioni industriali: l'annuncio dato dalla Federtrasporti, l'associazione delle aziende di trasporto pubblico locale, di non applicare il contratto della categoria rinnovato, con l'intervento del Governo, il 13 dicembre scorso. Una decisione, quella degli imprenditori, determinata dai ritardi del Governo nel rispettare gli impegni assunti ai fini dell'approvazione del decreto sul parziale ripianamento del deficit delle aziende e i provvedimenti per il riordino previdenziale.

Ma per i sindacati la posizione delle aziende non si giustifica in alcun modo, anche perche' la legge finanziaria aveva previsto un incremento di risorse, da 4.700 a 5.100 miliardi, per il fondo esercizio del trasporto pubblico locale, sulla base del tasso di inflazione programmata, finalizzato a coprire la dinamica contrattuale. (Segue)

(Mcc/As/Adnkronos)