null
null

QUARESIMA: NON PIU' DI 6 SIGARETTE, TANTO VANGELO E POCA TV I SUGGERIMENTI DI MONS. BRANDOLINI

Roma, 1 mar. (Adnkronos) - Poca tivu', niente spese folli, moderazione nel cibo e nell'alcol, non piu' di sei sigarette al giorno ma soprattutto ''leggere, leggere e rileggere il Vangelo''. Alla vigilia della Quaresima iniziata oggi monsignor Luca Brandolini, vescovo di Sora e responsabile della Commissione Episcopale per la Liturgia, invita tutti gli italiani ad ''affrontare con sobrieta' questo periodo di penitenza per prepararsi adeguatamente alla Pasqua. Sono convinto che se tutti si avvicinassero alla Parola di Dio e leggessero abitualmente il Vangelo le cose in questo Paese andrebbero meglio''.

Riaffermando la validita' del documento che la Cei ha pubblicato l'anno scorso contenente le ''regole d'oro'' che ogni cristiano deve seguire nei di periodi di penitenza, il vescovo di Sora parla del significato della Quaresima. ''Il richiamo alla penitenza e' fondamentale -ha detto - ognuno di noi dovrebbe avere la capacita' di moderarsi alla luce degli insegnamenti del Vangelo. La quaresima lungi dall'evocare immagini lugubri e tristi, dovrebbe diventare cosi' l'occasione per migliorare lo spirito. La conversione si esprime in tanti modi, anche con l'astinenza. Diventa, per esempio, necessario limitarsi nel fumo (per un fumatore 6 sigarette al giorno sono piu' che sufficienti), nei cibi, negli alcolici, nelle spese voluttuarie, nei divertimenti ''. (segue)

(Gia/Pe/Adnkronos)