OSCAR: L'INGIUSTIZIA PIU' GROSSA
OSCAR: L'INGIUSTIZIA PIU' GROSSA

Hollywood, 28 mar. (Adnkronos) - Lo stesso presentatore ufficiale, David Letterman, ha voluto ricordare, salutato da una vera ovazione, l'ingiustizia piu' grossa dell'intera 67ma edizione degli Oscar, che ha fatto parlare Hollywood fin dal giorno delle nomination il 14 febbraio scorso: l'esclusione di ''Hoop Dreams'', lo splendido film documentario su due giovani neri e la loro passione per il basket. Denunciata da tutti i giornali e i commentatori americani, l'esclusione, sia dalla categoria miglior film in assoluto che, almeno, da quella per il miglior documentario, di ''Hoop Dreams'', citato solo per la categoria miglior montaggio, e' uscita da una serie di infortuni e soprattutto da una lotta sorda fra gruppi e istituzioni in seno al sistema.

Il film documentario, che molti critici considerano il migliore mai realizzato negli Stati Uniti nell'ultimo decennio, racconta la storia di due ragazzi degli slum di Chicago che inseguono il loro sogno col basket, il sogno della Nba. E' stato ammirato ed apprezzato da tutti, ma bocciato - a quanto osservano senza peli sulla lingua giornali come il Washington Post e il Los Angeles Times - per ''la piccineria degli iscritti alla sezione documentari dell'Accademia che regolarmente boicottano chi ottiene successi troppo clamorosi in quel settore''. Insomma, ancora una volta, guerre politiche di fazioni di antico stampo.

(Cab/Pe/Adnkronos)