AGENZIE IPPICHE: SNAI SI RIVOLGE A DINI E LUCHETTI (2)
AGENZIE IPPICHE: SNAI SI RIVOLGE A DINI E LUCHETTI (2)

(Adnkronos) - Tale decisione - a parere dei diversi legali consultati - conferma che l'Unire deve corrispondere alle agenzie ippiche i 'premi incentivanti contestati, relativi agli anni 1993 e 1994, pari a oltre 12 miliardi di lire. Le agenzie ippiche hanno richiesto all'Unire l'immediata delibera in tal senso, atto di ordinaria amministrazione e quindi possibile anche nell'attuale situazione di assenza del vertice dell'Ente, dimissionario dal 24 marzo scorso.

L'ippica italiana rappresenta un comparto economico e professionale ricco di tradizioni e di potenzialita', che muove oltre 4.000 miliardi di lire e occupa oltre 40.000 addetti, ma e' priva da anni di una guida dinamica, competente, affidabile, cui sia data la possibilita' di operare continuamente per lo sviluppo del settore.

In questa situazione di stasi, che rappresenta un onere pesante per il settore ippico, per l'erario e quindi per la collettivita', le agenzie ippiche italiane non possono che rivolgersi alle autorita' competenti nelle persone del presidente del Consiglio dei Ministri, Lamberto Dini, e del ministro delle Risorse Agricole, Walter Luchetti, invitandole definitivamente a prestare attenzione alla grave situazione dell'Ippica italiana, intervenendo per risolvere in tempi immediati i diversi e numerosi problemi mai efficacemente affrontati dalle precedenti gestioni dell'Unire''.

(Com/Pn/Adnkronos)