RUANDA/BURUNDI: DICHIARAZIONE DELLA AGNELLI
RUANDA/BURUNDI: DICHIARAZIONE DELLA AGNELLI

Roma, 7 apr. (Adnkronos) - ''Anche il Governo italiano ricorda oggi l'inizio, avvenuto un anno fa, della tragedia del Ruanda, un evento che ha profondamente scosso l'intera comunita' internazionale e la coscienza dell'umanita'. Atti di barbarie di una ferocia inaudita sono stati perpetrati nel paese africano lasciando una lunga traccia di sangue e di dolore -ha dichiarato il ministro degli Esteri Susanna Agnelli-. L'Italia ha fin dall'inizio unito la sua voce al coro di indignazione e di condanna delle atrocita' commesse in Ruanda ed ha partecipato allo sforzo collettivo per la riconciliazione e la ricostruzione del paese africano''.

''Anche e soprattutto in qualita' di membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l'Italia si adoperera' per fare in modo che quello che e' successo un anno fa in Ruanda non si ripeta mai piu'. Guardiamo di conseguenza agli eventi nel vicino Burundi con preoccupazione, ma anche con la ragionevole fiducia che la comunita' internazionale sappia mettere tempestivamente in moto meccanismi di prevenzione per evitare il ripetersi della tragedia ruandese''.

''In tale spirito l'Italia si e' associata alla dichiarazione del Presidente del consiglio di Sicurezza del 29 marzo u.s., con la quale sono stati condannati i recenti atti di violenza in Burundi, lanciando un pressante appello a tutte le parti affinche' risolvano pacificamente la crisi in atto. Il governo italiano inoltre sostiene fermamente l'impegno, umano e finanziario, dell'Unione Europea per aiutare l'azione preventiva in Burundi dell'Alto commissario per i Diritti umani''.

(Com/Gs/Adnkronos)