PAR CONDICIO: ANGELINI - NON L'HO VIOLATA, PRONTA QUERELA
PAR CONDICIO: ANGELINI - NON L'HO VIOLATA, PRONTA QUERELA
''L'OSSERVATORIO DI PAVIA MI DA' RAGIONE''

Roma, 7 apr. (Adnkronos)- ''Non e' vero che ho privilegiato An e Forza Italia''. Il direttore del Gr Rai, Claudio Angelini, bocciato in par condicio dall'Istituto di ricerca An.Tel, che ha monitorato il suo giornale dal 25 marzo al 2 aprile, annuncia querela. ''Ho gia' dato disposizione ai miei legali -ha detto all'Adnkronos- di valutare l'opportunita' di una azione legale per falso e diffamazione sia contro gli autori del rilevamento che contro l'agenzia che lo ha diffuso, la societa' Canale Tre''.

I risultati dell'indagine, riportati anche due giorni fa dal ''Sole 24 Ore'', hanno scatenato un vero e proprio putiferio. Angelini e' stato convocato dalla commissione vigilanza e deferito dal pattista Mario Segni al Garante. Secondo lo studio An.Tel nel suo giornale, nel periodo in cui e' stata effettuata l'indagine, le ''presenza in prima persona'' sarebbero state 186 per Alleanza Nazionale, 108 per FI, 28 per il Pds, 10 per la Lega, 2 per i Verdi e 0 per il Patto Segni.

Ma a riprova dell'infondatezza delle cifre divulgate da Canale Tre parlano da soli i dati dell'Osservatorio di Pavia, al quale i ''professori'' del vecchio Cda Rai affidarono il compito di conteggiare e analizzare la quantita' e la qualita' dell'informazione politica radiotelevisiva. Dal rilievo, relativo al periodo 22-31 marzo, emerge infatti una sostanziale parita' di spazi a disposizione nei notiziari del Giornale Radio Rai tra Forza Italia e Pds, rispettivamente con il 9,8 per cento per FI e il 9,1 per cento per la Quercia. Per quanto riguarda le altre forze politiche la distribuzione degli spazi e' stata del 7,3 per cento per An, del 5 per cento per Rifondazione Comunista, del 3,6 per cento sia per la Lega che per il Patto Segni. (segue)

(Iac/As/Adnkronos)