PAR CONDICIO: VIGORELLI (TGR) SU POLEMICHE PER ''DIRETTIVE''(2)
PAR CONDICIO: VIGORELLI (TGR) SU POLEMICHE PER ''DIRETTIVE''(2)

(Adnkronos) - Prosegue il direttore della Tgr: ''Avevo sperato che la sensibilita' del prof. Prodi lo convincesse a proseguire il suo viaggio politico nelle regioni dove non si vota. Ma avendo scelto invece di farlo in quelle dove si vota, egli si e' posto come un ''visitor'' rispetto alla par condicio delle elezioni regionali e viola la legge''.

Conclude Piero Vigorelli: ''Si tranquillizzino il dott. Vita (Pds), Stampa Romama e Usigrai, tre autori di un identico comunicato: sono loro che qualificano il prof. Prodi come un leader politico e di conseguenza applico la legge della par condicio che vieta all'art.3 comma 6 la sovrapposizione di piu' campagne elettorali. Il 23 aprile si vota per le amministrative e un giorno si votera' per quelle politiche per le quali il prof. Prodi si e' candidato''. L'articolo cui fa riferimento il direttore della Tgr afferma che ''A partire dal trentesimo giorno precedente la data delle elezioni e' vietata ogni forma di pubblicita' elettorale, anche se avente il contenuto di cui al comma 1 ed anche se relativa a successive consultazioni elettorali o referendarie''.

(Red/Gs/Adnkronos)