REGIONALI: SPINI, NON SONO UN TEST PER ELEZIONI POLITICHE
REGIONALI: SPINI, NON SONO UN TEST PER ELEZIONI POLITICHE
FORSE IL POLO LE TEME PERCHE' HA CANDIDATI DEBOLI

Roma 7 apr. - (Adnkronos) - Le elezioni regionali non sono un test che spiana la strada alle elezioni politiche. Fra due settimane si vota per la buona amministrazione negli enti locali dove, i Laburisti, in molti casi si presenteranno con liste autonome. Valdo Spini, illustrando liste e alleanze, ha spiegato perche' nell'attribuire alle consultazioni del 23 aprile una valenza prettamente politica, il Polo sbaglia obiettivo. ''Le prossime elezioni -ha detto il leader dei Laburisti- non devono essere considerate un grande sondaggio per dimostrare agli italiani che c'e' bisogno di nuove elezioni politiche. Gli elettori devono giudicare invece candidati e programmi destinati ad amministrare in modo efficente regioni, province e comuni''. Secondo Spini l'insistenza con la quale Berlusconi e Fini si pronunciano a favore di elezioni politiche, da far seguire alle regionali, ''nasconde la debolezza dei candidati e dei programmi del Polo''.

Anzi, non e' affatto detto che Dini debba lasciare subito dopo avere esaurito i quattro punti del programma di governo. ''Bisogna incoraggiare il presidente del Consiglio ad andare avanti e i Laburisti lo sosterranno nel suo impegno futuro''. In tal senso e' da considerare positiva l'iniziativa dei gruppi parlamentari Progressisti, della Lega Nord, Popolari di Bianco e Patto Segni per un proseguimento dell'attivita' del governo su un programma aggiuntivo. ''Cio' che non giudico produttivo -ha obiettato Spini- e' la tregua offerta dagli stessi gruppi parlamentari alle forze del Polo. Quando si e' in campagna elettorale non si offrono tregue ma ci si confronta lealmente da avversari''. E per di piu' la sinistra dovrebbe cominciare a giocare meno di sponda. ''La sinistra -ha spiegato il leader Laburista- deve diventare maggiorenne e, quindi, nell'aspirazione di diventare maggioritaria, prevedere la presentazione di propri candidati alla guida del paese''. (segue)

(Ruf/Zn/Adnkronos)