I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (3): L'INTERNO
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (3): L'INTERNO

Roma. ''Oggi e' in gioco il Ppi, non questa o quella strategia politica. Noi veniamo da giorni dolorosi e perfino grotteschi nei quali abbiamo inventato anche la figura del segretario liquidatore che mancava alla politologia italiana''. Nonostante la tregua appena siglata con il Ppi di Rocco Buttiglione, il presidente del Consiglio nazionale dello Scudo crociato Giovanni Bianchi, in apertura della convention organizzata a Roma dai Popolari che fanno riferimento a Gerardo Bianco, non ha risparmiato toni polemici. Davanti alla sala gremita del cinema Ariston, Bianchi ha criticato l'operazione politica di Buttiglione: ''non essendo riuscito a condurre il Ppi nel polo berlusconiano -ha sostenuto- si e' tentato di distruggerlo giungendo fino al ridicolo di una minoranza che espelle la maggioranza. Quella di Buttiglione e' stata un'operazione di stampo neogentiloniano: il trasferimento di una parte di ceto politico, ma il partito e' qui''.

Roma. ''Io sto costruendo il centro che e' stato lasciato vuoto... Vi assicuro che vi e' un enorme spazio perche' cio' venga fatto. Berlusconi e Fini stanno facendo di tutto per lasciare vuoto sempre piu' spazio: non credevo che si sarebbero spostati cosi' a destra. Ed e' enorme l'inquietudine che questa destra sta provocando nella gente...''. Romano Prodi, alla convention di questa mattina al cinema Etoile di Roma, risponde cosi' ai sindaci eletti dallo schieramento democratico alternativo al centro-destra che insistentemente gli chiedono se intende essere il leader dell'intero schieramento di centro-sinistra o il leader di un centro alleato con la sinistra.

Roma. Black-out dell'informazione. Lo ha deciso la Federazione nazionale della stampa italiana protestando contro l'atteggiamento del governo nei confronti della legge che ha privatizzato i 16 enti di previdenza autonomi, fra i quali c'e' l'Inpgi. ''Ogni richiesta della Fnsi -si legge, tra l'altro, in un comunicato della Fnsi- di essere riconosciuta come interlocutore per i problemi della categoria, primo fra i quali e' sicuramente il futuro della previdenza, viene lasciato cadere dal ministro. Per queste ragioni decisive quanto limpide la categoria e' chiamata alla protesta contro il governo, sia per il metodo sia per la sostanza del problema, che e' in fondo sempre la stessa: cancellare l'autonomia dell'Inpgi. In coincidenza con il gia' programmato sciopero dell'emittenza pubblica e privata si asterranno percio' dal lavoro lunedi' prossimo, 10 aprile, anche i giornalisti dei quotidiani, di tutte le agenzie di stampa, dei periodici sia settimanali che mensili e degli uffici stampa in modo che nella giornata di martedi' 11 si realizzi il totale black out dell'informazione.Per questa finalita', quindi, eccezionalmente, non vengono esentati i quotidiani in cooperativa''.

Roma. E' stato sospeso lo sciopero dei macchinisti di Comu e Sma, che avrebbe dovuto cominciare dalle 21 di stasera. Dopo la precettazione del ministro dei trasporti Caravale era intervenuto stamattina personalmente il presidente del Consiglio Dini che, in un comunicato, aveva rivolto un appello ai macchinisti per sospendere l'agitazione.

Roma. ''Pietro, alza la voce, per la sospensione della pena di morte, per l'istituzione del tribunale penale internazionale sui crimini contro l'umanita'''. Sara' questo il messaggio che rivolgeranno a Giovanni Paolo Secondo i partecipanti alla marcia delle Palme, in programma domani a Roma, con partenza dal Campidoglio alle 9.00, dopo un incontro col sindaco della Capitale, Francesco Rutelli, ed arrivo alle 12.00 a piazza San Pietro, in concomitanza con l'Angelus del Papa. Previsto anche, alle 10, un incontro al Quirinale col presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro. Ad organizzare la manifestazione l'associazione ''nessuno tocchi Caino''. (segue)

(Dis/Pe/Adnkronos)