MADE IN ITALY: DALLA FRANCIA LA PRIMA RITORSIONE (3)
MADE IN ITALY: DALLA FRANCIA LA PRIMA RITORSIONE (3)
TEDESCHI PIU' TRANQUILLI

(Adnkronos) - I tedeschi celano la loro irritazione dietro un maggior fair-play comunitario, ma non ammettono la minima responsabilita' nella svalutazione della lira. Hans Joackim Hass, responsabile economico della BDI (l'equivalente della Confindustria in Germania), lo dice con chiarezza: ''Il compito della Buba -ricorda Hass- e' di garantire la stabilita' interna dei prezzi e non quello di guidare il livello dei cambi. Se la lira e' debole, lo e' per l'incertezza politica interna e la mancanza di stabilita' di governo che inquietano molto gli operatori esteri. Per quello che riguarda le nostre esportazioni la svalutazione sta avendo pesanti conseguenze sulle nostre industrie, in special modo nel settore dell'ingegneria e della meccanica e siamo preoccupati perche', dai segnali che abbiamo, credo che la debolezza della lira durera' ancora a lungo''.

Non sembra comunque che per il momento gli industriali tedeschi abbiamo allo studio misure per compensare la forza dell'export italiano, anche se teoricamente non lo escludono. ''Cio' che intendiamo fare, invece -aggiunge l'economista- e' agire sul fronte interno premendo sulle nostre autorita' monetarie per ridurre il costo del denaro e su quelle politiche per ridurre i costi e la pressione fiscale sulle imprese che esportano. Ma non credo che arriveremo a misure di ritorsione, per quanto da un punto di vista teorico siano possibili''.

(Maz/Pn/Adnkronos)