BANCO AMBROVENETO: BAZOLI, ''PATTO SOLIDO ED OMOGENEO''
BANCO AMBROVENETO: BAZOLI, ''PATTO SOLIDO ED OMOGENEO''

Vicenza, 28 apr. (Dall'inviato dell'Adnkronos Dario Converso) - ''Il Banco Ambroveneto, come e' avvenuto fin dalla sua costituzione nell'agosto '82, continuera' ad avere l'appoggio di un solido e sempre piu' omogeneo gruppo di controllo''. Ad assicurarlo e' stato il presidente dell'istituto Giovanni Bazoli agli azionisti che hanno approvato oggi il bilancio '94, chiusosi con un utile netto di 152 mld che ha consentito la distribuzione di un dividendo, invariato, di 170 lire per le azioni di risparmio e 150 lire per quelle ordinarie, in pagamento dal prossimo 18 maggio.

Sul patto di sindacato, che riunisce il Credit Agricole e il Crediop con 19,39 p.c. ciascuno, il gruppo Banca San Paolo di Brescia con il 16,48 p.c., Alleanza Assicurazioni con il 13 p.c.. Il presidente dell'Ambroveneto ha spiegato che ''in scadenza a fine gennaio '95, e' stato prorogato di un anno, a tutto gennaio '96: tale proroga -ha sottolineato Bazoli- e' stata disposta per fare in modo che i singoli soci possano stipulare un nuovo accordo che assicuri autonomia al Banco e un suo sviluppo come polo aggregante nel sistema creditizio del Paese con una sua vocazione tutta particolare''.

E sulle future strategie del Banco Bazoli ha annunciato che ''le aggregazioni continueranno, non con grandi banche, ma con piccole aziende di credito (ad esempio con la societa' di banche siciliane, e le prossime con la banca Marsicana e la banca di Trento e Bolzano), come abbiamo fatto fino ad oggi: tale strategia verra' portata avanti con grande determinazione''. (segue)

(Dac/Zn/Adnkronos)