DALMINE: TORNA L'UTILE, SI RIDUCE L'INDEBITAMENTO
DALMINE: TORNA L'UTILE, SI RIDUCE L'INDEBITAMENTO

Roma, 28 apr. - (Adnkronos) - Dalmine ritorna all'utile. Il bilancio 1994, approvato dall'assemblea, registra infatti un utile di 400 milioni a fronte della perdita di 44,7 miliardi del 1993. Per il riequilibrio di bilancio ha contato la politica adotta dal gruppo, mirata alla riduzione dei costi e della forza lavoro, con un incremento della produttivita'.

Il fatturato consolidato e' ammontato a 1.214,6 miliardi con un aumento del 7 pc. La produzione di tubi di acciaio al carbonio e bombole e' stata pari a 676.400 tonnellate con un incremento del 4,9 pc. Il 59,1 pc delle spedizioni e' stato destinato all'export in 80 paesi. L'indebitamento finanziario netto a livello consolidato e' passato da 576,5 miliardi dell'intero '94 a 480 miliardi nel 1995, con una riduzione del 16,7 pc; il rapporto tra debiti finanziari e mezzi propri si e' ridotto da 1,50 a 1,25. Il miglioramento gestionale trova conferma anche nel primo trimestre '95.

(Red/Gs/Adnkronos)