PENSIONI: ABETE - RIFORMA SERIA SE AUTONOMA FINANZIARIAMENTE
PENSIONI: ABETE - RIFORMA SERIA SE AUTONOMA FINANZIARIAMENTE

Roma, 28 apr. - (Adnkronos) - ''La riforma delle pensioni seria, credibile definitiva si persegue operando con una logica che separi il periodo transitorio da quello a regime''. Luigi Abete, presidente di Confindustria, invita a guardare con piu' attenzione al medio e lungo periodo. A margine di un convegno sulle relazioni sindacali dopo Maastricht, organizzato dall'Assicredito dice: ''una volta a regime, la riforma deve essere autonoma sul piano finanziario. Deve trovare un livello di compatibilita' finanziaria che tra l'altro sia in linea con i costi sostenuti dagli altri partner europei.''.

Abete non dimentica che ''vi sono ovviamente delle aspettative per quei lavoratori vicinissimi ai 35 anni di eta'. Aspettative naturali -dice- sulle quali occorre concentrare le risorse disponibili. Ma attenzione a fare un unico calderone con la riforma nel suo complesso. Se il regime transitorio e' spalmato su troppe persone, diventa oneroso e incompatibile con l'obiettivo del risparmio per il triennio '97-'95''.

Quanto alla necessita' di fare un ddl o un dl, Abete ritiene che sara' adottata la formula del decreto legge. ''Questo strumento -spiega- non toglie autonomia legislativa al Parlamento, ma impegna tutti ad accelerare i tempi. Cosa necessaria questa, se si vuole ottenere un effetto pensioni sui mercati''.

(Red/Zn/Adnkronos)