SCIOPERO EDILI: CGIL, CISL E UIL, 50MILA IN PIAZZA
SCIOPERO EDILI: CGIL, CISL E UIL, 50MILA IN PIAZZA

Roma, 28 apr. -(Adnkronos)- Grandissima soddisfazione dei sindacati dei lavoratori edili per la riuscita dello sciopero generale della categoria. Oltre 50.000 persone, infatti, secondo calcoli sindacali, sono scese oggi in piazza per protestare contro il mancato rinnovo contrattuale e per difendere il potere d'acquisto dei salari.

''Questo e' uno sciopero generale contro l'Ance -ha detto Carla Cantone della Fillea Cgil- contro l'inaccettabile atteggiamento di quegli imprenditori edili che boicottano le piu' elementari regole di democrazia industriale e di relazioni sindacali''. I sindacati comunque incontreranno il ministro del lavoro martedi' prossimo. E a Treu la Cgil chiede di farsi ''garante del ripristino dei rapporti democratici tra sindacati e Ance''.

L'edilizia, d'altra parte, e' un settore importante soprattutto per l'immediata occupazione che e' in grado di fornire. Per questo ha bisogno di un''patto'', come spiega Raffaele Bonanni, della Filca Cisl, per combattere il lavoro nero. E la Cisl su questo lancia un vero e proprio appello alle ''buone imprese perche' facciano la loro parte per battere le imprese ''pirata'' che nn rispettano leggi, contratti e diritti dei lavoratori''. (segue)

(Red/Pn/Adnkronos)