BANCA-IMPRESA: PERCHE' LE BANCHE CONTANO DI PIU'
BANCA-IMPRESA: PERCHE' LE BANCHE CONTANO DI PIU'
(RIF. N.130)

Roma, 10 mag. - (Adnkronos) - La partecipazione delle banche al capitale delle imprese, come avvenuto per esempio oggi con l'ingresso di Comit, Credit, Bnl e San Paolo in Finmeccanica, e' possibile anche grazie ad una quattro delibere del Cicr, approvate l'11 giugno 1993, sotto il ministero Barucci.

Con queste delibere, seguite da un regolamento della Banca d'Italia del 24 giugno dello stesso anno, nasceva la ''banca universale''. Ma soprattutto, dopo 57 anni, le banche hanno potuto cosi' rientrare nel capitale delle imprese private.

Grazie alle quattro delibere, infatti, e' caduto il tabu' della partecipazione delle banche nelle imprese, ma anche la divisione tra operativita' a medio e lungo termine e, di conseguenza, anche la divisione tra le forme di raccolta, liberalizzando cosi' l'emissione di obbligazioni e ridefinendo anche le regole per i grandi prestiti ad un unico cliente. (segue)

(Sec/Gs/Adnkronos)