CONTRATTO TLC: SINDACATI REPLICANO A CONFINDUSTRIA
CONTRATTO TLC: SINDACATI REPLICANO A CONFINDUSTRIA

Roma, 10 mag. (Adnkronos) - Le segreterie nazionali Filpt-Silt-Uilte esprimono ''stupore e contrarieta' per la posizione assunta dalla Confindustria in merito al contratto nazionale di lavoro per le imprese di telecomunicazione''. Il no della Confindustria, a discutere un nuovo e diverso assetto contrattuale, e', da un lato un evidente rifiuto ad intervenire per riregolamentare anche il rapporto di lavoro in un settore prossimo alla liberalizzazione; dall'altro, rappresenta una negazione dell'accordo interconfederale del luglio '93 che vuole la contrattazione regolata su due livelli: settore e azienda.

La scelta della Confindustria, di mantenere inalterati i rapporti di lavoro in essere, puo' generare fenomeni di ''dumping sociale'' in contrasto con gli orientamenti dell'Unione europea e non trova analogo riferimento negli altri paesi comunitari.

Filpt-Silt-Uilte richiedono un urgente intervento del governo, per definire le regole funzionali ad una trasparente concorrenza tra diversi soggetti, coerente con il clima venutosi a creare in conseguenza all'accordo di collaborazione tra le aziende concessionarie del servizio di telefonia mobile.

(Com/Gs/Adnkronos)