TERRORISMO: MONTANELLI - IMPICCARE I CATTIVI MAESTRI
TERRORISMO: MONTANELLI - IMPICCARE I CATTIVI MAESTRI

Roma, 26 mag. -(Adnkronos)- ''Indulgenza'' per i terroristi, ''impiccagione'' per i cattivi maestri degli anni di piombo. Indro Montanelli, gambizzato nel 1977, si scaglia contro Toni Negri, l'ex leader di Autonomia Operaia rifugiato a Parigi per sfuggire al carcere, considerato ben piu' responsabile dei brigatisti rossi che compivano gli attentati. In un'intervista a ''L'Italia settimanale'', il ''grande vecchio'' del giornalismo spiega perche' e' stato e resta indulgente nei confronti dei terroristi: ''Si ritenevano dei grandi rivoluzionari ed erano soltanto degli sprovveduti. Non ce l'ho con loro, non sono loro i responsabili, in ogni caso hanno pagato e stanno pagando con la galera. Io li rispetto''.

Per Montanelli ''la vera responsabilita' e' di coloro che a questa violenza li indirizzavano, coloro che la violenza giustificavano senza pero' avere il coraggio di prendervi parte direttamente, rischiando in prima persona''. Per questo l'ex direttore della ''Voce'' e del ''Giornale'' usa parole di fuoco contro il ''cattivo maestro'' del terrorismo per antonomasia: ''Ah, quel maledetto Toni Negri, quel maledetto aizzatore dei sentimenti dei giovani che e' vigliaccamente scappato dall'Italia per non affrontare il carcere. Per un Paese non c'e' nulla di peggio che i cattivi maestri. Come punirli? Bisognerebbe impiccarli. Ripeto, impiccarli''.

(Pam/Pn/Adnkronos)