DPEF: GOVERNO STRINGE I TEMPI, NUOVO VERTICE AL TESORO
DPEF: GOVERNO STRINGE I TEMPI, NUOVO VERTICE AL TESORO

Roma 29 mag. - (Adnkronos) - Il governo stringe i tempi sulla finanza pubblica. Un nuovo lungo vertice tra i ministri finanziari al dicastero del Tesoro infatti, e' servito, nonostante un week-end di lavoro alle spalle, a mettere a punto la stesura definitiva del documento di programmazione economica e finanziaria che il governo ufficializzera' nel prossimo consiglio dei Ministri, gia' giovedi' o al massimo venerdi' prossimo.

Il ritocco del tasso ufficiale di sconto dei giorni scorsi, nonostante la positiva accoglienza dei mercati finanziari di oggi, d'altra parte impone al governo una doppia revisione: quella relativa alle previsioni sugli obiettivi di finanza pubblica per il prossimo triennio elaborata nel DPEF e quella relativa all'ammontare complessivo della manovra finanziaria per il '96 appesantita da un ''rincaro'' di oltre 10 mila miliardi di lire alla voce spesa per interessi.

L'incontro di oggi al dicastero di Via Venti Settembre, infatti, tra il presidente del consiglio Lamberto Dini, il sottosegretario al Tesoro Piero Giarda, il ministro del Bilancio Rainer Masera, il ministro delle Finanze Augusto Fantozzi e il Ragioneriere generale dello Stato Andrea Monorchio, e' servito ad effettuare tra l'altro anche una ricognizione generale delle linee guida della manovra economica da 35-40 mila miliardi necessaria a far quadrare i conti nel prossimo anno. Una sorta di prognosi cioe' sui tempi e sulle condizioni per cui la manovra, come auspicato sovente da Dini stesso, possa essere presentata anticipatamente, nelle sue parti fondamentali, al Parlamento.

(Tes/As/Adnkronos)