OCCUPAZIONE: I GIOVANI IMPRENDITORI SCRIVONO A TREU
OCCUPAZIONE: I GIOVANI IMPRENDITORI SCRIVONO A TREU

Roma, 29 mag. (Adnkronos) - I giovani imprenditori di Confindustria dicono la loro sull'evoluzione del rapporto di lavoro, in prospettiva dei prossimi incontri sul tema previsti tra governo e sindacati. E' quanto hanno fatto con una lettera inviata al ministro del Lavoro italiano Treu da parte di Michele Carofiglio, vice presidente dei giovani imprenditori per i rapporti sindacali.

Nella lettera Carofiglio prende in esame il problema della flessibilita' del rapporto e quello della gestione della forza lavoro di mobilita'. Sul primo punto Carofiglio dopo aver precisato l'imporanza della distinzione fra flessibilita' interna ed esterna, chiede, innanzitutto, di ''operare seguendo la logica del merito e del rischio, pur non perdendo di vista la giusta solidarieta'' diversa dal mero assistenzialismo. Su questo tema i giovani di Confindustria ritengono, inoltre ''che e' giunto il momento di far crollare i tabu' della legge 300/70, operando un cambiamento dettato dalle necessita' comuni di tutti i protagonisti del mondo dell'impresa''.

Sul fronte della mobilita' Carofiglio esorta, poi, a ''spostare il tiro dal problema sociale al problema del costo per la collettivita'. La soluzione prospettata - su cui i giovani imprenditori stanno preparando uno studio specifico - e' quella del ricorso ad agenzie di lavoro private collocate sul territorio, ''perche' solo operando con interesse imprenditoriale verranno dei risultati confortanti''.

(Com/Pe/Adnkronos)