PUBLITALIA: FA DISCUTERE GIURISTI RICHIESTA DI COMMISSARIAMENTO
PUBLITALIA: FA DISCUTERE GIURISTI RICHIESTA DI COMMISSARIAMENTO

Roma, 29 mag. (Adnkronos) - Fa discutere anche i giuristi la richiesta avanzata dal pool Mani Pulite di commissariare Publitalia, societa' del gruppo Fininvest di cui e' presidente Marcello Dell'Utri. Per Massimo Severo Giannini, decano dei professori universitari di diritto amministrativo, ''non si tratta di un fatto anomalo'' e ricorda che un simile provvedimento ''non e' infrequente e che in linea di principio e' ingiusto parlare di esproprio da parte del giudice''. ''Prima di arrivare a formulare questa richiesta - precisa Giannini - il magistrato deve aver svolto una lunga indagine basata su ampie prove, perche' la richiesta si fonda su particolari motivi di gravi irregolarita''.

Ugo Ruffolo, docente di diritto civile all'universita' di Bologna, osserva che l'avvio della procedura da parte del pubblico ministero e' ''cosa estremamente rara, per cui la meraviglia per la singolarita' dell'atto e' forte''. Secondo Ruffolo la Procura milanese ''usa norme previste dal codice al servizio di una strategia strettamente interpretativa, idonea ad ampliare i controlli del giudice, che altre procure hanno finora impiegato pochissimo''. Per il giurista la richiesta di commissariamento e' ''una prosecuzione logica dell'intento moralizzatore di Mani Pulite, per cui l'interpretazione della norma civilistica viene utilizzata in senso piu' pesante che leggero. Sarebbe interessante sapere se altre Procure per societa' sospettate di legami con la mafia abbiano richiesto o meno il commissariamento, ma ho l'impressione che un simile provvedimento sia ben poco usato''.

(Pam/As/Adnkronos)