CINEMA: CARLEI BATTE EASTWOOD PER MEZZA STELLA
CINEMA: CARLEI BATTE EASTWOOD PER MEZZA STELLA

Los Angeles, 3 giu. (Adnkronos) - Carlo Carlei batte Clint Eastwood per mezza stella. Il critico del 'Newsday' ha infatti assegnato a 'Fluke', esordio hollywoodiano del giovane regista italiano, nelle sale americane da ieri, tre stelle contro le due e mezzo concesse a 'I ponti di Madison' di Eastwood. In generale, la critica Usa ha accolto con entusiasmo il film di Carlei, interpretato da Matthew Modine, Nancy Travis ed Eric Strolz e prodotto dalla Metro Goldwin Mayer, che narra delle delle strane avventure di un uomo che, dopo un incidente d'auto, muore per reincarnarsi in un cane.

''Un mix ingegnoso, un racconto sentimentale con un risvolto dark da mistero psicologico che pone diversi potenziali problemi'', scrive il Newsday aggiungendo che ''le sequenze in cui compaiono gli animali creano dei momenti adorabili''. ''Fluke -scrive il periodico americano- e' bizzarro quanto un colpo di fortuna'', giocando sul significato del titolo del film. ''Carlei mette in 'Fluke' la stessa premura che aveva il suo formidabile primo film 'La corsa dell'innocente', del '93'', scrive invece il Los Angeles Times, riconoscendo a Carlei, ''uno spudorato manipolatore'', di aver ''segnato alcuni ottimi punti'' specie quando ''fa vedere la vita dal punto di vista del cane''. Generoso con il regista calabrese infine il Washington Post, che definisce 'Fluke' come un ''bizzarro ibrido tra un romanzo strappalacrime e uno psicodramma''.

Carlo Carlei era stato scoperto da Franco Cristaldi, che aveva fatto de 'La corsa dell'innocente', il primo film del regista, la sua ultima produzione. Il film con Francesca Neri, uscito nel settembre del '93, passo' quasi inosservato in Italia ma non negli Stati Uniti, dove fu acquistato dalla 'Buena Vista' e ottenne una nomination ai Globi d'oro. Contemporaneamente, proprio per l'impressione lasciata dal giovane regista calabrese sui critici e sugli esperti americani, Carlei si trasferi' in America dove attualmente vive.

(Gmg/As/Adnkronos)