MAFIA RUSSA: ARRESTO IVANKOV IN COLLABORAZIONE MOSCA-FBI
MAFIA RUSSA: ARRESTO IVANKOV IN COLLABORAZIONE MOSCA-FBI

New York, 9 giu. (Adnkronos) - Un'operazione dell'Fbi condotta in collaborazione con gli uomini del ministero degli Interni di Mosca e con la polizia canadese ha portato all'arresto del boss della mafia russa negli Stati Uniti, Vyacheslav Kirillovich Ivankov. Il risultato piu' importante mai raggiunto finora nella lotta alla criminalita' organizzata russa negli Stati Uniti.

E, proprio negli Stati Uniti Ivankov era riuscito a estorcere 3,5 milioni di dollari a due manager di una finanziaria newyorkese, la ''Summit international'', Alexandre Volkov e Vladimir Voloshin, in un'operazione che ha fatto chiudere il cerchio degli agenti federali, sulle sue tracce dal gennaio del 1993, quando le autorita' russe ne segnalarono la presenza a New York. I due uomini d'affari avevano acconsentito a pagare alla fine di maggio, dopo essere stati tenuti sequestrati in un ristorante e dopo l'assassinio del padre di Voloshin a Mosca.

Ivankov e' stato sorpreso ieri mattina nella casa di una amica nel quartiere di ''Little Odessa'', a Brooklyn, dove risiede la comunita' russa a New York. Ivankov, che ha 55 anni e fra gli emigrati di Bayton Beach si e' guadagnato la fama di gentiluomo, era arrivato negli Stati Uniti alla fine del 1991, o nei primi mesi del 1992, con un visto falso. (segue)

(Sip/Gs/Adnkronos)